CROCE D'ORO SAMPIERDARENA GENOVA
CROCE D'ORO SAMPIERDARENA                                           GENOVA

Se avete domande o richieste contattateci direttamente al numero

 

010 412500 - 010 465641

 

oppure compilate il modulo online.

 

 

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE D'ORO

Via della Cella, 10 c - tel. 010.465.641

GE - SAMPIERDARENA 

 

 

STATUTO SOCIALE 

 

 

__________________

Approvato dall'Assemblea dei Soci

16 settembre 1988

e dalla Regione Liguria

25 gennaio 1990

 

 


CAPO I

Identificazione dell'Associazione

 

ART. 1

 

L'Associazione di Pubblica Assistenza CROCE D'ORO di Sampierdarena è stata istituita nell'anno 1898 ed ha la sede in Genova Sampierdarena, via della Cella n. 10 cancello.

            La PUBBLICA ASSISTENZA CROCE D'ORO SAMPIERDARENA è soggetta alle vigenti Leggi dello Stato Italiano. Lo scioglimento dell'Associazione, oltre ché per le cause e nei modi di Legge, avverrà quando la partecipazione dei Soci non sarà più sufficiente a soddisfare completamente l'art. 3 del presente statuto.

            La devoluzione dei beni e del personale verrà disposta a favore di una Associazione con finalità analoghe.

 

ART. 2

 

L'emblema dell'Associazione è costituito da una bandiera bianca con iscrizione in oro su fondo blu «PUBBLICA ASSISTENZA CROCE D'ORO SAMPIERDARENA» .

Tale iscrizione è nei distintivi, bracciali, sigilli ed altri fregi e sarà comunque usata in tutte quelle occasioni che sia utile al riconoscimento dell' Associazione.

 

 

 

ART. 3

 

L'Associazione ha carattere aconfessionale ed apartitico, eroga le Sue prestazioni a tutti i Cittadini nel rispetto dell'art. 3, comma secondo della Costituzione Repubblicana.

In particolare l'Associazione:

a) interviene a favore degli infortunati e degli infermi, provvede all'assistenza ed al trasporto degli stessi;

b) compie opera di educazione sanitaria al proprio esterno, soprattutto per quanto riguarda la prevenzione ed il pronto soccorso;

c) partecipa, attraverso il volontariato, a tutte le attività assistenziali e sociali a livello del territorio, ed in particolare collabora con le strutture dei servizi Sociali e Sanitari;

d) svolge attività di assistenza Sociale;

e) interviene con il proprio gruppo di Protezione Civile a tutte le operazioni di soccorso che le venissero richieste in caso di pubbliche calamità.

 

ART. 4

 

L'Associazione provvede ai suoi scopi con le entrate patrimoniali, con le quote sociali, con le oblazioni di Enti Pubblici e Privati e con proventi diversi.

 

ART. 5

 

Il presente Statuto ed il Regolamento interno devono essere esposti nei locali dell'Associazione dove sia agevole la loro lettura.

CAPO Il

I Soci

 

ART. 6

 

L'iscrizione a Socio si ottiene con:

 

a) la domanda di ammissione firmata da almeno due Soci proponenti;

b) il versamento della quota di ammissione e della quota sociale stabilito con delibera del Consiglio di Amministrazione;

c) l'accettazione da parte del Consiglio di Amministrazione.

 

ART. 7

 

Il numero dei Soci è illimitato: possono essere Soci persone di ambo i sessi che abbiano compiuto il sedicesimo anno di età e che posseggano secondo le leggi dello Stato, i requisiti della moralità e della buona condotta. Sono ammessi, in qualità di Allievi, i giovani di età inferiore ai sedici anni, purché iscritti dai propri genitori o tutori legali.

ART. 8

 

I Soci si distinguono in:

a) ONORARI

b) BENEMERITI

c) VOLONTARI

d) SOSTENITORI

e) CONTRIBUENTI

f) ALLIEVI

ART. 9

 

Perdono la qualità di Socio:

a) tutti coloro che vengono a mancare dei requisiti dell'art. 7;

b) tutti coloro che si comportano contrariamente allo Statuto dell'Associazione ed al Regolamento interno;

c) tutti coloro che rassegnino al Consiglio d'Amministrazione le proprie dimissioni;

d) tutti coloro che non rinnovino l'iscrizione con il versamento della quota Sociale.

 

ART. 10

 

Tutti i Soci che operano espletando attività per gli scopi e nell'ambito dell'Associazione, secondo l'articolo 3 del presente Statuto, lo fanno gratuitamente nello spirito del tradizionale volontariato.

 

CAPO 111

Il Consiglio di Amministrazione ed il Collegio dei Revisori dei Conti

 

ART. 11

 

L'Associazione è retta da un Consiglio di Amministrazione composto da undici membri, che abbiano la maggiore età eletti tra i Soci con votazione a scrutinio segreto previa presentazione di liste di candidati. Con identica procedura, sono altresì eletti i tre membri che compongono il Consiglio dei Revisori dei Conti.

In caso di dimissioni, rinuncia, decesso, subentrerà il primo dei non eletti con il maggiore dei consensi ricevuti.

 

ART. 12

 

All'espletamento delle operazioni necessarie alle elezioni, provvederà una Commissione Elettorale di cinque membri, nominata dall'Assemblea ordinaria o straordinaria tra i Soci iscritti all'Associazione da almeno un anno.

Tali Soci non possono essere candidati al Consiglio d'Amministrazione e tanto meno a Revisori dei Conti.

La Commissione Elettorale provvederà altresì ad eleggere nel suo interno un Presidente ed un Segretario.

Le funzioni specifiche e le modalità di votazione saranno regolate dal Regolamento interno.

 

ART. 13

 

Il Consiglio di Amministrazione, nella sua prima riunione, nomina tra i propri membri il Presidente dell'Associazione che la rappresenta legalmente e ne coordina l'attività.

Sempre nella riunione, il Consiglio di Amministrazione, provvede altresì alla nomina del Vice Presidente ed all'affidamento a ciascuno dei propri membri degli incarichi necessari per l'efficace attività delle proprie funzioni.

 

ART. 14

 

Il Consiglio di Amministrazione dura in carica tre anni ed i membri uscenti compreso il Presidente dell'Associazione possono essere rieletti. I membri del Consiglio di Amministrazione, che senza giustificato motivo non intervengono per tre mesi consecutivi alle sedute, decadono dalla carica.

In caso di morte, di dimissioni o di perdita per qualsiasi causa, della qualifica di Socio, la surrogazione avviene secondo la graduatoria delle più recenti elezioni, sempre nel rispetto dei requisiti previsti. A questo articolo sono soggetti parimenti i Revisori dei Conti. 

 

ART. 15

 

In caso di assenza od impedimento del Presidente dell'Associazione, ne fa le veci il Vice Presidente ed in assenza od impedimento anche di questi, il Consigliere più anziano di nomina, ed in caso di contemporaneità di nomina, il più anziano di appartenenza all'Associazione ed in ultimo il più anziano d'età.

 

ART. 16

 

Il Consiglio di Amministrazione agisce per il raggiungimento degli scopi sociali:

a) provvedendo alla gestione ed al regolare funzionamento dell'Associazione;

b) formulando le proposte del bilancio preventivo e consuntivo;

c) formulando le proposte relative al Regolamento Interno;

d) promuovendo le relative modifiche del presente Statuto.

Presenta altresì la relazione annuale riassuntiva di attività bilancio organizzazione e dei provvedimenti straordinari alle Assemblee dei Soci che dovranno ratificarli.

Le deliberazioni del Consiglio di Amministrazione sono valide se è presente la metà più uno dei membri che lo costituiscono; esse sono assunte a maggioranza.

 

 

 

ART. 17

 

Il Consiglio di Amministrazione stabilisce la data delle proprie riunioni, per ottenere la maggior efficacia delle sue funzioni.

 

ART. 18

 

Il Consiglio di Amministrazione formula le proposte di Regolamento interno contenente le disposizioni ordinarie e straordinarie necessarie all'organizzazione dell' Associazione e di esplicazione dello Statuto. Ogni stesura nuova del Regolamento viene affissa nell'Albo Sociale almeno quindici giorni prima dell'Assemblea convocata per la sua approvazione, per dare modo ai Soci di fare pervenire eventuali proposte scritte di emendamenti.

 

 

CAPO IV

Assemblee dei Soci

 

ART. 19

 

L'Assemblea generale dei Soci:

a) elegge i membri della Commissione Elettorale incaricata all'espletamento delle operazioni necessarie alle elezioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio dei Revisori dei Conti;

b) delibera le modifiche statutarie ed il Regolamento interno;

c) delibera il bilancio preventivo

d) ratifica l'espulsione dei Soci Consiglio di amministrazione;

e) delibera ogni altro provvedimento di competenza.

L'Assemblea generale si riunisce in ordinanza ordinaria entro il mese di maggio per deliberare il conto consuntivo dell'esercizio precedente; entro il mese di settembre per deliberare il bilancio preventivo dell'esercizio successivo.

Le Assemblee straordinarie si riuniscono ogni qual volta lo richieda un bisogno urgente, sia in seguito alla richiesta del Presidente dell’Associazione o della maggioranza del Consiglio dl Amministrazione sia in seguito alla richiesta sottoscritta da almeno un' ventesimo dei Soci. Il Comitato Regionale di Controllo assume iniziative per la convocazione dell' Assemblea quando gli organi dell'Associazione, previamente sollecitati, non abbiano adempito agli obblighi statutari.

 

Le Assemblee sono convocate dal Presidente dell'Associazione con invito scritto e corredato dell'ordine del giorno della seduta, della data, dell'orario di prima e seconda convocazione.

 

Il Regolamento interno dispone dei mezzi di pubblicità di tale invito.

 

ART. 20

 

Alle Assemblee possono partecipare solo i Soci che abbiano regolarmente corrisposto le quote sociali.

Esclusi gli Allievi; tutti i Soci hanno diritto ad un voto che non è delegabile.

 

ART. 21

 

Per la validità delle Assemblee occorre:

a) in prima convocazione l'intervento della metà più uno dei Soci aventi diritto al voto;

b) in seconda convocazione l’intervento del Soci aventi diritto al voto in numero superiore almeno di una unità del doppio di quello dei componenti il Consiglio di Amministrazione.

Qualora in seconda convocazione l'Assemblea non raggiunga il numero sopra richiesto dei Soci, le attribuzioni dell' Assemblea stessa, escluse naturalmente quelle elettive e di modifiche statutarie, passano al Consiglio di Amministrazione.

 

 

 

ART. 22

 

Le delibere, prese a maggioranza, debbono essere verbalizzate dal Segretario e sottoscritte dal Presidente, che l'Assemblea nominerà come primo atto tra i partecipanti.

 

CAPO V

Disposizioni Generali

 

ART. 23

 

Il presente Statuto è di durata illimitata.

Le proposte ed eventuali modifiche dello Statuto devono essere promosse all'interno del Consiglio di Amministrazione e per esposto sottoscritto al Consiglio di Amministrazione da almeno un ventesimo dei Soci aventi diritto al voto.

 

ART. 24

 

L'Associazione, quando il Consiglio di Amministrazione lo ritiene necessario, può avere personale dipendente nei limiti consentiti dalla Legge n. 266 dell' 11-8-1991.

Il personale dipendente avrà un contratto di lavoro stabilito con l'Associazione nei modi di Legge.

 

ART. 25

 

Per le materie non contemplate nel presente Statuto si osservano le norme del Codice Civile.

  

 

******

*Statuto approvato dall'Assemblea generale dei Soci in data 16-9-1988 e dalla Regione Liguria in data 25-1-1990.

Stampa Stampa | Mappa del sito
2012© CROCEDOROSAMPIERDARENA VIA DELLA CELLA 10 16149 GENOVA Codice Fiscale:80032690101